5 agosto 2012 – Il cammino di Santiago 13

Il Cid Campeador

Avevo lasciato la cattedrale di Bugos ricordando la tomba del Cid Campeador e di sua moglie doña Sancha. Qualche cosa ne devo dire perché il Cid rappresenta molto di più, delle caratteristiche dell’immagine stereotipata che lo vuole eroe nazionale e difensore della cristianità.
Fu signore di Valencia che, conquistata nel 1094 dopo lungo assedio, tenne fino alla morte quando gli successe la moglie Sancha che mantenne il potere sulla città fino al 1112.
Nel 1081 il re Alfonso VI l’aveva esiliato e il Cid per 10 anni fu mercenario e capitano di ventura dell’emiro di Saragozza.
Una situazione che – come ha precisato Laura Novati –  “la dice lunga sul tipo di rapporti di vassallaggio e interdipendenza culturale ed economica che si stabilì in terra di Spagna fra i regni sia mussulmani che cristiani” nella lunga storia che va dal 711 al 1492.
Chi volesse vedere i confini fra la Spagna mussulmana e la Spagna cristiana può andare al mio diario del 30 giugno, raggiungibile anche da qui, dove ho pubblicato una cartina.

6 giugno – sesto giorno – Frómista, Sahagun
Dovevo essere in un giorno di particolare negligenza perché i miei appunti non mi consentono di essere precisa nell’indicazione delle fotografie che pure voglio pubblicare.
La prima rappresenta un sarcofago in cui è visibile una donna che passa le mani sul volto che si presume rigato dal pianto, immagine straordinaria del dolore umano fuori di ogni retorica e schematizzazione.
La seconda invece è molto deprimente: rappresenta una madonna burattino del tipo (e non è l’unica che ci è stata proposta) che viene esibito durante le processioni quando può essere costretta a qualche movimento con un attrezzo posto sul retro della statua.
Questa statua viene vestita, cambiata, curata  da donne che si considerano sue devote come le sacerdotesse di un antico idolo.

Il volumetto offerto da Biblia  ricorda a Sahagun la presenza “di una forte comunità giudaica che visse in perfetta armonia con i benedettini del monastero intitolato ai santi Facondo e Primitivo fino a quando nel 1492 i re Ferdinando e Isabella non ne decisero l’espulsione dalla Spagna”.

Continua – precedenti puntate 18, 21, 23, 29, 30 giugno; 4, 10, 11, 17, 22, 27 luglio e 3 agosto

agosto 5, 2012Permalink

Comments are closed.