5 agosto 2018 – L’obbligatorietà non obbligatoria dei vaccini. Una storia ridicola e tragica

Ho bisogno di capire e mi traccio una strada
Il testo del Decreto Milleproroghe che è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 25 luglio 2018. Dal momento in cui è stato sottoposto all’esame del Senato sta suscitando dibattiti stravaganti. Molti dei protagonisti di questo intreccio di voci, pareri, esternazioni indefinibili sembrano nascere ogni mattina, ignari di ciò che è avvenuto prima e, vergini di conoscenza, marciano impavidi verso l’approvazione di un ‘qualche cosa’ che sembra più una biscia che una norma da stabilire.
Per quel che mi riguarda ne considero un aspetto soltanto (e ne ho abbastanza!).

Ieri, 4 agosto ho pubblicato nel mio blog un pezzo dal titolo “Bambini fantasma e l’obbligatorietà non obbligatoria dei vaccini” dove si trova l’articolo della scienziata, senatrice Elena Cattaneo (l’avevo ricopiato manualmente non potendone fare un copia incolla perché lo giudico un punto fermo essenziale e confortante per essere chiaro e razionale).
Elena Cattaneo è senatrice a vita e quindi può corrispondere al dettato dell’art. 67 della Costituzione senza i lacci e lacciuoli in cui viene ridotta spesso la disciplina del gruppo di appartenenza che, anziché svolgersi all’interno del mandato parlamentare, è affidata alla gestione di un sistema digitale eterodiretto. Il che non la salva da essere ondivaga in maniera sconfortante.
Ricordo a me stessa il testo dell’art. 67:  “Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato”.

Torno al 22 giugno, ricordando un articolo allora pubblicato di cui trascrivo la conclusione (come sempre metto me stessa e chi abbia la pazienza di leggermi in grado di risalire all’intero testo – [ Fonte 1])
Mentre la ministra di competenza guizza fra appartenenza di gruppo e competenza professionale (non oso la parola deontologia he potrebbe finire umiliata in un ossimoro) il leader o ministro che sia (io non riesco mai a capire in che ruolo parli) conclude:

Riconoscimento democratico dei padroni della salute dei bambini
Io ritengo che la salute dei bambini spetti alla mamma ed al papà e quindi alcuni vaccini sono fondamentali; troppi rischiano di far male. Nessun bambino può essere escluso dalla scuola e dall’asilo. Su questo c’è un programma nella Lega, questo c’è nel contratto di governo. Dal morbillo ci si deve salvare, altri vaccini mi sembrano assolutamente superflui”.

Era giugno, ora è agosto. –
Norma passa al senato con 149 sì, un’astensione e 110 no
Salute garantita dal ‘democratico’ risultato del voto in parlamento o dalla scienza e competenza?

«No al rinvio di un anno dell’obbligo di presentare i certificati vaccinali per l’iscrizione alla scuola dell’infanzia e ai nidi».
È la posizione espressa dal presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli, una citazione che sarà più ampiamente trascritta fra poco.
E’ agosto e in senato si è discusso e chi cerca di informarsi non può ignorare la dichiarazione, finalmente esplicita, dell’Ordine dei medici.
L’oggetto del contendere è l’obbligo di iscrivere ai nidi e alla scuola dell’infanzia bimbi vaccinati ( a tutela della salute loro e dei loro compagni di scuola, soprattutto dei più fragili)

Ne parlano vari quotidiani:

♦ Il Corriere della sera – Vaccini, l’Ordine dei Medici.  [fonte 2]

Il presidente della federazione critico sull’emendamento approvato in Parlamento che, afferma, «non risponde all’evidenza scientifica circa la necessità delle vaccinazioni» e chiede si rispetti la scienza di Redazione Online

«No al rinvio di un anno dell’obbligo di presentare i certificati vaccinali per l’iscrizione alla scuola dell’infanzia e ai nidi». È la posizione espressa dal presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli, in merito all’emendamento approvato con il decreto Milleproroghe che fa slittare di un anno l’obbligo vaccinale come condizione per l’ingresso alle scuole dell’infanzia e ai nidi. L’emendamento, afferma, «non risponde all’evidenza scientifica circa la necessità delle vaccinazioni. Lanciamo un appello al Parlamento perché rispetti la scienza». E poi aggiunge: «L’articolo 32 della nostra Costituzione tutela la Salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività. Al Ministro il compito di attuare tale tutela, attraverso politiche sanitarie che si fondino sulle migliori evidenze scientifiche a nostra disposizione».

♦ Il Sole 24 ore    L’appello al Parlamento
«Sulle vaccinazioni lanciamo un appello al Parlamento, perché, nelle sue decisioni, rispetti sempre la scienza e metta il ministro della Salute, Giulia Grillo, nelle migliori condizioni per lavorare», ha sottolineato Anelli all’indomani dell’approvazione al Senato dell’emendamento al decreto Milleproroghe che fa slittare di un anno l’obbligo vaccinale come condizione per l’ingresso alle scuole
dell’infanzia e ai nidi. [Fonte 3]

♦ Lega: in contratto bimbi no- vax a scuola [fonte 4]
(ndr: nel contratto si prevede che i bimbi no-vax vadano a scuola)
‘Su parole di Salvini polemiche pretestuose?
(ANSA) – Roma, 22 giugno Sui vaccini polemiche pretestuose dopo le parole del Ministro Matteo Salvini. L’inclusione scolastica dei bimbi non vaccinati (per necessità o per scelta) è sia nel contratto della Lega che nel contratto di governo.
Così una nota dell’ufficio stampa della Lega

Deontologia, scienza e competenza o conta ‘democratica’?
Norma passa al senato con 149 sì, un’astensione e 110 no
Un voto che ha provocato la forte protesta delle opposizioni secondo cui questo rinvio «mette a rischio la salute degli italiani». Ma che ha causato anche qualche tensione all’interno del fronte no-vax, tradizionalmente granitico, tra gli esponenti dei Cinque Stelle. La senatrice pentastellata Elena Fattori ha infatti votato contro l’emendamento dopo aver ricordato i bambini immunodepressi che oggi Iss definisce «a rischio di esclusione scolastica».
Una presa di posizione che ha ragioni strettamente personali: «Rispetto la scelta del mio gruppo ma per mia storia personale, professionale e dolorosamente di madre – ha detto Fattori in Aula – non posso fare altro che dissociarmi dal mio gruppo e esprimere un indignato voto contrario».

Chiedo ai signori senatori forse interrogati dall’art. 67 della Costituzione:
Dove eravate quando nel movimento di Grillo, Casaleggio e quant’altri e nei relativi gruppi parlamentari discutevate della piattaforma Rousseau, garanzia superiore, quanto i rosari e i Vangeli sventolati e abusati dal leader/ministro Salvini?
La fedeltà a quella linea ha aiutato la vostra elezione e ora?
Fra deontologie, competenza e conoscenza come la mettete con la disciplina che avevate accettato?

Nota aggiuntiva. – mattina del 5 agosto
leggo su facebook: La Ministra replica alle critiche e aggiunge: “Bambini con poche difese immunitarie andranno in classi dove c’è copertura vaccinale”
Un commento intelligente
quindi si ammette che c’è un pericolo per i bambini immunodepressi, si ammette che la soluzione è l’immunità di gregge, ma non si obbligano i cittadini a garantirla.

Puntualizzo
Condivido quanto scritto sopra ma al posto dei cittadini dico: “gli operatori nelle strutture sanitarie e a tanto vincolate”.
Però aggiungo: la creazione di classi con copertura vaccinale non trasformerà una parte degli edifici scolastici in lazzaretti di lontana memoria (credevo fino a un momento fa)?
E la testardamente ottusa fedeltà al contratto e alle promesse elettorali non esporrà l’organizzazione dichiarata al ridicolo? Inoltre le strutture sanitarie – in accordo con i nidi e le scuole dell’infanzia – avranno il personale per fare tutto questo?
Faranno un altro contrattino in deroga all’umana intelligenza?

Fonte 1 http://www.repubblica.it/cronaca/2018/06/22/news/salvini_dieci_vaccini_inutili_e_pericolosi_se_non_dannosi_-199704879/

Fonte 2
https://www.corriere.it/cronache/18_agosto_04/vaccini-l-ordine-medici-no-rinvio-dell-obbligo-l-iscrizione-scuola-4ad3904c-980a-11e8-ae28-97e0df16be12.shtml

Fonte 3
http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2018-08-04/vaccini-ordini-medici-no-rinvio-dell-obbligo-le-scuole-200100.shtml?uuid=AEUPKKXF

[fonte 4]
http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2018/06/22/lega-in-contratto-bimbi-no-vax-a-scuola_781b0f57-005d-4f99-b12d-0f6457b2a17d.html

Agosto 5, 2018Permalink

Comments are closed.