1 ottobre 2019 – L’identità del tortellino

“L’Arcidiocesi di Bologna informa che l’Arcivescovo Matteo Zuppi ha appreso la notizia del tortellino con carne di pollo solo questa mattina e dai media. Era all’oscuro dell’iniziativa annunciata ieri in conferenza stampa dal Comitato cittadino per le manifestazioni petroniane.
Il Comitato ha previsto che accanto ai quintali di tortellini conformi alla ricetta depositata, siano preparati anche pochi chilogrammi senza maiale per chi non può mangiarne per diversi motivi”.

Lo sconcerto è grande e penso sia giusto tranquillizzare.

Le chiese cristiane avevano affrontato un problema di cibo e organizzazione religiosa in una primissima fase di formazione senza subirne traumi insostenibili che inibissero loro lo sviluppo futuro.
Siamo nel 49 d.C. e si svolge il cd Concilio di Gerusalemme  che deve dirimere una questione rilevante

La questione era più o meno questa: Per diventare cristiani coloro che provenivano dal mondo pagano (le nazioni) dovevano arrivare al cristianesimo attraverso la religione ebraica e tutti i suoi obblighi (per es. la circoncisione) o potevano aderirvi direttamente?

Cap. 15; 19 «Per questo io ritengo che non si debbano importunare quelli che dalle nazioni si convertono a Dio, 20ma solo che si ordini loro di astenersi dalla contaminazione con gli idoli, dalle unioni illegittime, dagli animali soffocati e dal sangue. 21Fin dai tempi antichi, infatti, Mosè ha chi lo predica in ogni città, poiché viene letto ogni sabato nelle sinagoghe».
22Agli apostoli e agli anziani, con tutta la Chiesa, parve bene allora di scegliere alcuni di loro e di inviarli ad Antiòchia insieme a Paolo e Bàrnaba: Giuda, chiamato Barsabba, e Sila, uomini di grande autorità tra i fratelli. 23E inviarono tramite loro questo scritto: «Gli apostoli e gli anziani, vostri fratelli, ai fratelli di Antiòchia, di Siria e di Cilìcia, che provengono dai pagani, salute! 24Abbiamo saputo che alcuni di noi, ai quali non avevamo dato nessun incarico, sono venuti a turbarvi con discorsi che hanno sconvolto i vostri animi. 25 Ci è parso bene perciò, tutti d’accordo, di scegliere alcune persone e inviarle a voi insieme ai nostri carissimi Bàrnaba e Paolo, 26uomini che hanno rischiato la loro vita per il nome del nostro Signore Gesù Cristo. 27Abbiamo dunque mandato Giuda e Sila, che vi riferiranno anch’essi, a voce, queste stesse cose. 28 «È parso bene, infatti, allo Spirito Santo e a noi, di non imporvi altro obbligo al di fuori di queste cose necessarie: 29astenersi dalle carni offerte agli idoli, dal sangue, dagli animali soffocati e dalle unioni illegittime. Farete cosa buona a stare lontani da queste cose. State bene!».

Il testo canonico degli Atti degli Apostoli è un po’ lungo ma tranquillizzante (cap 15, 19-29 traduzione CEI, 2008).
Ho evidenziato in grassetto gli elementi che a me sono sembrati di attualità

Ottobre 1, 2019Permalink